spaghetti-chart

SPAGHETTI CHART GUIDA PRATICA: Disegnare i flussi e ottimizzare i Layout. Come risparmiare soldi in modo semplice ed efficace!

Ultimo Aggiornamento

Altro giro, altro regalo! Oggi parliamo di uno strumento molto utile quando dobbiamo ottimizzare flussi, trasporti, layout. Parliamo dello Spaghetti Chart.

Sei veramente sicuro che il tuo attuale Layout sia il migliore in assoluto? Sei sicuro che non sia possibile abbattere i costi dovuti al continuo trasporto di merci, informazioni, persone?

Spesso ci concentriamo su come migliorare un processo produttivo, come ridurre scarti o come aumentare le produzioni di una certa macchina. Purtroppo spesso ci dimentichiamo come il Layout influisca in modo pesante sull’ottenimento dei nostri risultati. Quando parlo di Layout intendo sia la disposizione fisica delle attrezzature sia la disposizione dei magazzini intermedi, aree varie di stock, semilavorati, uffici. Tutti questi parametri influiscono sul costo del tuo prodotto, anche se non te ne accorgi.

Se infatti il Flow Chart (trovi la guida cliccando qui) serve per disegnare il processo, lo Spaghetti Chart serve per disegnare i flussi. Solo così avrai modo di migliorare le tue prestazioni.

Considera per un momento a quanto tempo perso si potrebbe recuperare se solo non si dovesse portare avanti e indietro tutti quei bancali! Il problema è che la maggior parte delle volte questo problema è invisibile, si tende a non considerarlo, si pensa che non sia migliorabile, si finisce per cadere nel “è sempre stato così”.

Lo Spaghetti Chart serve proprio a questo. Serve a mostrarti come le cose stanno realmente, ed ora ti insegnerò a costruirlo.

Cosa serve per costruire lo Spaghetti Chart

spaghetti-chart-1
Spaghetti Chart – Come NON deve essere fatto

Avrai bisogno di un layout aggiornato. La pianta in scala del tuo reparto preso in esame è fondamentale. Molto spesso si cerca di disegnare uno schizzo approssimativo o peggio a realizzare lo Spaghetti Chart su Excel. Niente di più sbagliato. Hai bisogno della pianta in scala!…e ricordati di fare 4\5 copie!

 

Usa pennarelli di vario colore e spessore

I pennarelli. Armati di pennarelli di vario colore e spessore.

 

persone
Coinvolgere le persone è importante

Le persone! Come sempre…Rambo non esiste! Da solo non farai nulla. Avrai bisogno delle persone che fisicamente lavorano in quell’area che vuoi prendere in esame. L’obiettivo è disegnare come il flusso gira realmente non come dovrebbe girare!

 

Dove fare lo Spaghetti Chart? Walk the Process!

E’ fondamentale realizzare lo Spaghetti Chart in reparto. Disegna i flussi mentre li percorri! Solo così ti renderai conto di quello che accade realmente e potrai nel frattempo farti spiegare dai tuoi colleghi della produzione come lavorano. Ricordati di appuntarti anche eventuali tempi di permanenza delle merci spostate in modo da capire anche quanto tempo i prodotti rimangono nelle varie aree.

ATTENZIONE! In questa fase non dare giudizi. Devi solo concentrarti a descrivere tramite i pennarelli come i flussi girano in questo momento.

Se vuoi ridisegnare in maniera decente lo Spaghetti Chart puoi anche ridisegnarlo in ufficio ma la prima bozza va necessariamente fatta in reparto.

Alcuni consigli pratici

  • Usa un colore per ogni flusso. Materiali, persone, informazioni. Ogni tipo di flusso deve avere un colore diverso.
  • Usa diversi spessori per le linee di flusso. Potresti valutare di disegnare una linea sottile per i trasferimenti veloci e una linea spessa per i trasferimenti lenti o per differenziare spostamenti con i muletti da quelli con i transpallet.
  • Non ignorare nessun passaggio.
  • Appunta tempi di permanenza e anomalie, ti torneranno utili dopo.
  • Parti dall’inizio del flusso e numera ogni step. In questo modo avrai a colpo d’occhio la sequenza degli spostamenti.

Analizzare e ricostruire lo Spaghetti Chart

Una volta terminato lo Spaghetti Chart avrai a disposizione la fotografia dei flussi reali.

Se due flussi si incrociano cerca di capire come poter eliminare questa sovrapposizione spostando gli ostacoli.

Se delle linee vanno ripetutamente avanti e indietro dallo stesso punto (macchina o area stock per esempio) cerca di capire se quel lavoro può essere combinato e svolto nello stesso momento per evitare questa ridondanza.

UN CONSIGLIO

Uno metodo molto efficace è quello di stampare una piantina vuota del reparto e ritagliare da una con l’attuale layout le macchine e le aree che possono essere fisicamente spostate. In questo modo potrai sperimentare diverse soluzioni andando a spostare le immagini sulla piantina vuota e realizzare diverse prove.

A volte si ha paura di effettuare molti spostamenti in quanto si tende a pensare al costo necessario ad effettuare in concreto gli spostamenti. Non devi aver paura di questo. Devi invece concentrarti sui benefici che questi spostamenti ti porteranno e sulla riduzione dei costi futuri (che dovrai comunque calcolare per valutare il ROI).

Una volta che avrai trovato un Layout che ti permetta di avere un flusso ottimizzato rimetti su carta le linee dei flussi con la nuova disposizione delle macchine e disegna la “Future State”, lo stato futuro del flusso.

IMPORTANTE! Tutta questa fase potrebbe essere fatta durante una sessione di Brainstorming, se vuoi sapere come fare clicca qui. Durante il Brainstorming infatti solitamente vengono fuori un sacco di idee fantastiche e creative su come risolvere i problemi di flussi incrociati e ridondanti, non privarti mai dell’esperienza degli altri.

Parking Lot – Le idee collaterali

Ti accorgerai che mentre ridisegni il tuo Spaghetti Chart insieme agli altri durante la sessione di Brainstorming verranno fuori tante idee non direttamente correlate con l’argomento. Potrebbero essere idee di miglioramento, domande, osservazioni su processi laterali a quello preso in esame, problemi che sono collegati a quanto state discutendo ma di più ampio respiro (per esempio come vengono caricati a sistema le produzioni o come vengono gestiti i muletti). Sono tutte idee che non riguardano direttamente lo Spaghetti Chart ma che escono mentre si parla del processo. E’ necessario registrare tutte queste idee in quanto potresti voler approfondire l’argomento in futuro. Per fare questo si usa il Parking Lot. Non è altro che un foglio dove appunterai tutte queste idee collaterali. Lo sai che questi Americani danno un nome a tutto no? 🙂

Conclusioni

Ora sai come disegnare, analizzare e ricostruire lo Spaghetti Chart. Per prenderci mano prova ad utilizzarlo su un singolo prodotto o un piccolo reparto. Vedrai che la situazione nella maggior parte dei casi sarà disastrosa. Ed è proprio questo il punto, finché non si disegna non si capisce quanto sia grave la situazione. Ma da oggi avrai uno strumento utile per poter migliorare le cose e portare valore aggiunto. Ricorda, non esiste improvvisazione!

Dubbi? Domande? Scrivi un commento e ti aiuterò!

Produzione Agile

Più pezzi, in meno tempo

Altri articoli che potrebbero interessarti

Federico Barucca

Ciao, Mi chiamo Federico Barucca e sono nel settore da 13 anni.

Lean Manufacturing, Six Sigma, Tempi e Metodi sono assolutamente necessari per ottimizzare i processi produttivi.

Il mio obiettivo è quello di portare questi metodi usati dalle Big Companies nelle PMI Italiane “traducendoli” in metodi semplici ed efficaci, senza perderci dietro alla carta e senza supercazzole.

Condividi l'articolo!

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Iscriviti  
Notificami